PRESS RELEASE

WUNDERKAMMER FLUXUS “COLAZIONE DA TIFFANY“


Breakfast at Tiffany’s

​

"What do we mean when we talk about Fluxus?" This is the title that Sandro Ricaldone gave his text for the exhibition catalog The Fluxus Constellation, curated by Sandra Solimano for the Museum of Contemporary Art Villa Croce in Genoa in 2002.

And this is still my question. After I fell in love with Fluxus, and studied it, after having been involved with it for nearly forty years, organizing exhibitions and events both in private spaces and public institutions, after having written both in general and for individual artists, I know the best thing it can be done is to quote other authors , the artists and myself. I would therefore maliciously wish to say "do it yourself", substituting the text with an extensive bibliography, which in any case everyone can find on Wikipedia.

But this exhibition tempts me particularly because it is an invitation to a "Breakfast at Tiffany's", an entry into a Wunderkammer where you can find a selection of small but very precious and meaningful works, that really gives the idea of what the spirit of Fluxus is. And here I have to

quote, (in truth a self-quotation) "... I am aware that the word Fluxus returns an infinite number of times, I have never found a definition that persuades me regarding this extended " family " : it is not a group , it is not a movement, it is not a trend; it really is a "species" formed by many "exemples", which often move in the same "solar system" , which they enter and leave as they please ... The Fluxers are citizens of the planet, always ready to swarm from one country to another, from one continent to another, always themselves, always free, always "at home", always ready to change language, customs, cuisine, loved ones ... "1

Therefore, let's keep going with a small anthology of quotes, anarchically in a non chronological order, a microscopic Wunderkammer in the form of words, in which you can try to condense the "rivers of words" that were poured on such a fluent and elusive issue!

"Fluxus is a latin word Maciunas dug up. I never studied Latin. If it hadn't been for Maciunas nobody might have ever called it anything. We would all have gone our own ways, like the man crossing his street with his umbrella, and a woman walking a dog in another direction. We would have gone our own ways and done our own things: the only reference point for any of this bunch of people who liked each other's works, and each other, more or less, was Maciunas. So fluxus, as far as I'm concerned, is Maciunas."- George Brecht Happenings

"... A completely different vision of art that a few years later would have been called "Inter Media" by artist and scholar Dick Higgins, had a unique start simultaneously in Europe, USA and Japan, in the late fifties and early sixties ... What we did was actually to establish an international network of artists through a process of wide-spread mail art ... a sort of precomputer database, a network for art and communication ... "Eric Andersen"...

It's not that I was part of Fluxus but that Fluxus was part of me ... What I wanted to do was music that I had never heard. And I made it. " P Corner " Philip Corner

"... The sky is always in the flux, but is Fluxus in the sky?" Geoffrey Hendricks

"... Fluxus has been a frontier area, where people have been able to inspire each other ..." Mieko Shiomi 6

"... Without John Cage, Marcel Duchamp and Dada, Fluxus would not exist. Especially without

Cage who, I love to say, brainwashed us twice. The first time, at the level of contemporary music with the notion of indeterminacy; the other through his teaching of the Zen spirit and the will to depersonalize art "

Ben Vautier 7

"... Of course in times of globalization such as ours are, it comes natural to think of it as a GMO,

​

resulted from the hybridization of cultures and distant worlds, and of the happy mobility of its protagonists, always traveling in the virtual world of communication and in the real world of an actual relay race between America and Europe with more than a few intrusions into the rest of the world ... "Sandra Solimano

"... Fluxus is not something between this and that. Fluxus is everywhere at the same time. And nowhere ... "

Al Hansen

"... And now the conclusion (I think) is" Fluxus is (can be) us all and Fluxus is (can be) everything. "Takako Saito

".One also notes that Fluxus often deals with things as though they had no meanings of their own. The piano gets its keys nailed down. The scores on the music stands are set on fire. One of the many things I love about these pieces is their glorious sense of caprice. To do anything so gratuitous is as though to offer an example of unadulterated human will. It’s rather like holding it up in the light so as to take a better look at it. Or like flexing an arm to fell the bulge of a muscle... "Henry Martin

"... In the beginning was the confusion. A heap of confusion. Not the kind we have today about what is or what was Fluxus or who Fluxus belongs to or doesn't belong to. But, at that time, there was quite a lot of flow in Fluxus. "Emmett Williams

"... Fluxus is neither a moment in history nor an art movement. Fluxus is a way of doing things, a way of living and dying. "Dick Higgins

"...The cultural project that George Maciunas launched in 1962 was of great revolutionary scope, not only because it made whole the condition of existence of the real possibility of the same esthetic and social revolution at the same time, but above all because it fused with a necessity. He planned not to distinguish any longer between art and live, and to relate them within a practice that historically abandoned for the first time the idea of an individual production to attain the realization that only collective work can produce change, breakthrough, the unstoppable flow of the de- estheticization of artistic production. .. "Antonio d'Avossa

"..This assertion quite evidently does not allow us to conclude that Fluxus is an interrupted journey or, more radically, a burnt-out phase. On the contrary, it leads us to consider, on an appropriate scale, the uniqueness of its platform or – to borrow George Brecht’s expression – the “something unnameable in common” that it allowed us to perceive. And, in a certain sense, it helps us understand that the statement “Fluxus has yet not begun” is not just the umpteenth whimsical declaration destined to confuse ideas but a challenge that continues to be valid.." Sandro Ricaldone

And here's my farewell, with Bob Watts's declaration, absolutely as definitive as the Grand Finale! "... 

The most important thing about Fluxus is that nobody knows what it is."

WUNDERKAMMER FLUXUS “COLAZIONE DA TIFFANY


Galleria SIX e lieto di annunciare il prossimo evento 

dal 10 dicembre 2014 al 28 febbraio 2015.

WUNDERKAMMER FLUXUS dal titolo “COLAZIONE DA TIFFANY “

con la preziosa partecipazione di Caterina Gualco e allestimento a cura di Marco Bongiorni

​

“Di cosa parliamo quando parliamo di Fluxus”. Questo e il titolo che Sandro Ricaldone ha dato al suo testo per il catalogo della mostra The Fluxus Constellation, curata da Sandra Solimano per il Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce a Genova nel 2002.

E questa e tuttora la mia domanda. Dopo essermi innamorata di Fluxus, averlo studiato, essermene occupata per quasi quarant’anni, organizzando mostre ed eventi in spazi privati o per istituzioni pubbliche, averne scritto sia in generale sia per gli artisti singoli, so che non potro fare altro che citare altri autori, gli artisti e me stessa. Mi verrebbe quindi il desiderio un po’ malizioso di dire “do it yourself”, sostituendo il testo con una ricca bibliografia, che in ogni caso chiunque puo trovare su Wikipedia.

Ma questa mostra mi tenta particolarmente perche e l’invito a una Colazione da Tiffany, l’ingresso in una Wunderkammer dove si puo trovare una scelta di lavori piccoli, ma molto preziosi e significativi che danno veramente l’idea di cio che e lo spirito di Fluxus. E qui sono d’obbligo le prime citazioni, (per la verita autocitazioni) “...sono consapevole che la parola Fluxus ritorna un numero infinito di volte, ma non ho mai trovato una definizione che mi convinca di questa “famiglia” allargata: non e un gruppo, non e un movimento non e una tendenza, e veramente una “specie” formata da molti “esemplari”, che sovente si muovono nello stesso “sistema solare”, in cui entrano e da cui escono a loro piacimento...”1) “...i Fluxers sono cittadini del pianeta, sempre pronti a sciamare da un paese all’altro, da un continente all’altro, sempre se stessi, sempre autonomi, sempre “a casa”, sempre pronti a cambiare lingua, abitudini, cucina, amori...” 2)

E allora avanti, con una piccola antologia di citazioni, anarchicamente in ordine non cronologico, una microscopica Wunderkammer in forma di parole, in cui si puo tentare di condensare i fiumi - proprio di parole - che sono stati versati per questo tema cosi fluente e cosi sfuggente!

“...Dopo tutto Fluxus e una parola latina che Maciunas ha disseppellito. Io non ho mai studiato latino. Se non fosse stato per Maciunas nessuno probabilmente avrebbe mai chiamato cosi qualcosa. Saremmo andati ciascuno per la propria via, come l’uomo che attraversa la strada col suo ombrello, e la donna che porta a passeggio il cane in un’altra direzione. Ciascuno avrebbe preso la propria strada e fatto le proprie cose: l’unico punto di riferimento per questo gruppo di persone che ammiravano i lavori gli uni degli altri e che, piu o meno, si piacevano a vicenda era Maciunas. Quindi Fluxus, per quanto mi concerne, e Maciunas...”George Brecht 3)

“...Una visione completamente diversa dell’arte che alcuni anni piu tardi sarebbe stata chiamata Inter Media dall’artista e studioso Dick Higgins, ebbe un unico inizio simultaneo in

​

Europa, Stati Uniti e Giappone, tra la fine degli anni cinquanta e l’inizio degli anni sessanta... Quello che noi facevamo era in realta di stabilire una rete internazionale di artisti attraverso un’attivita di mail art ad ampia diffusione... una specie di database precomputer, una rete per l’arte e la comunicazione...” Eric Andersen 4)

“... non e tanto che io facevo parte di Fluxus ma che Fluxus era parte di me... Quello che volevo fare era una musica che non avevo mai sentito. E l’ho fatta.” Philip Corner 5)

“... Il cielo e sempre nel flusso, ma Fluxus e nel cielo?” Geoffrey Hendricks 6)

“...Fluxus e stata un’area di frontiera dove le persone hanno potuto ispirarsi a vicenda...” Mieko Shiomi 7)

“... Senza John Cage, Marcel Duchamp e Dada, Fluxus non esisterebbe. Soprattutto senza Cage, di cui amo dire che ha operato due lavaggi del cervello. Il primo, a livello della musica contemporanea con la nozione d’indeterminazione, l’altro attraverso il suo insegnamento dello spirito Zen e la volonta di depersonalizzare l’arte” Ben Vautier 8)

“... Certo in tempi di globalizzazione come i nostri viene da pensare a un OGM, scaturito dall’ibridazione di culture e di mondi lontani, e dalla felice mobilita dei suoi protagonisti, sempre in viaggio nel mondo virtuale della comunicazione e in quello reale di una vera e propria staffetta tra l’America e l’Europa con non poche incursioni nel resto del mondo...” Sandra Solimano 9)

“... Fluxus non e qualcosa tra questo e quello. Fluxus e ovunque allo stesso tempo. E in nessun luogo...” 

Al Hansen 10)

“... E ora la conclusione (io penso) sia: “Fluxus e (puo essere) tutti e Fluxus e (puo essere) tutto”. 

Takako Saito 11)

“... Si puo anche notare che sovente Fluxus si rapporta alle cose come se non possedessero un significato intrinseco; i tasti del pianoforte vengono inchiodati: si da fuoco alle partiture sui leggii. Una della molte cose che amo di questi pezzi e il loro glorioso senso di capriccio. Fare qualcosa di cosi gratuito e come offrire un esempio della nuda, trascendente volonta umana. E’ come tenerla in alto nella luce per poterla vedere meglio. O come flettere un braccio per sentire il rigonfiamento di un muscolo...” Henry Martin 12)

“... In principio era la confusione. Un mucchio di confusione. Non del genere che c’e oggi a proposito di cos’e o cos’e stato Fluxus o di chi e Fluxus o di chi non lo e. Ma, a quel tempo, c’era un bel po’ di flusso in Fluxus.” Emmett Williams 13)

“... Fluxus non e un momento nella storia ne un movimento artistico. Fluxus e un modo di fare le cose, un modo di vivere e morire.” Dick Higgins 14)

“...Il progetto culturale che George Maciunas attiva a partire dal 1962 e di grande portata rivoluzionaria, non solo perche rende intera la condizione di esistenza della possibilita reale

​

della stessa rivoluzione estetica e sociale al medesimo tempo ma soprattutto perche le fonde con una necessita. Si progettera di non distinguere piu tra l’arte e la vita, e di relazionarle all’interno di una pratica che abbandona storicamente per la prima volta l’idea di una produzione individuale, per approdare alla consapevolezza che solo il lavoro collettivo puo produrre il cambiamento, il ribaltamento, il flusso inarrestabile della de-estetizzazione della produzione artistica...” Antonio d’Avossa 15)

“... Questo asserto non porta, con tutta evidenza, a concludere che Fluxus sia un sentiero interrotto o, piu radicalmente una fase esaurita. Al contrario, induce a considerare in una scala appropriata l’unicita della sua piattaforma, o – per attenerci ad un’espressione di George Brecht – di “quel qualcosa d’indefinibile in comune” che lasciava percepire. E, in certo modo, fa comprendere che l’affermazione secondo cui “Fluxus non e ancora iniziato” non e solo l’ennesima estrosita destinata a sconcertare gli interlocutori ma una sfida sempre valida.” Sandro Ricaldone 16)

E qui finalmente mi congedo, con la dichiarazione di Bob Watts - assolutamente definitiva - come Gran Finale!

“... La cosa piu importante riguardo a Fluxus e che nessuno sa cosa sia”. 17)

Bibliografia

1 Fluxus in Italia – a cura di Caterina Gualco – Il Canneto Editore Genova – 2012

2 Caterina Gualco Fluxus o del Nomadismo in Alfabeta 2 N. 28 aprile 2013

3 An Interview between George Brecht and Robin Page for Carla Liss, in Art and Artists, London 1972; poi ripubblicato in Henry Martin, An Introduction to George Brecht’s “Book oof the Thunder on Fire”, Edizioni Multiphla, Milano, 1978

4 Fluxus in Italia – a cura di Caterina Gualco – Il Canneto Editore Genova – 2012

5 Philip Corner - inedito

6 Fluxus in Italia – a cura di Caterina Gualco – Il Canneto Editore Genova – 2012

7 Fluxus in Italia – a cura di Caterina Gualco – Il Canneto Editore Genova – 2012

8 Tout Ben – Ben Fluxus sul sito www. Egoben

9 The Fluxus Constellation – a cura di Sandra Solimano - Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce – Genova – neos.e – 2012

10 Al Hansen, An introspective, a cura di W. Schafke, M. Euler-Schmidt, Kolnischen Galerie des Kolnischen Stadtmuseums, Koln, 1996

11 bull shit 8 Fondazione Mudima, Milano, dicembre-gennaio 1993

12 The Fluxus Constellation – a cura di Sandra Solimano - Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce – Genova – neos.e – 2012

13 My Life in Fluxus - And Vice Versa, pubblicato da Edition Hansjorg Mayer, Stuttgart, e ristampato nello stesso annno da Thames and Hudson -1991

14 The Fluxus Constellation – a cura di Sandra Solimano - Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce – Genova – neos.e – 2012

15 Fluxus Una rivoluzione creativa a cura di Antonio d’Avossa e Nicoletta Ossanna Cavadini – m.a.x.museo Chiasso - Skira Ed. Milano - 2012

 

16 The Fluxus Constellation – a cura di Sandra Solimano - Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce – Genova – neos.e – 2012

17 Fluxus nel Veneto – Parise Editore – Bassano del Grappa – 1995

Caterina Gualco Genova, settembre 2014

© Galleria SIX - Piazza Piola 5 - 20131 - Milano