Arrigo Lora Totino

 

a cura di Angela Madesani

 

Artista, poeta concreto, padre della Poesia Sonora italiana, inventore della Poesia ginnica e della Poesia liquida, principale protagonista in Italia, e tra i principali in un ampio panorama internazionale, di tutte le pratiche eversive nei confronti della scrittura poetica e non solo.

 

La sua attività artistica inizia tra  la fine degli anni 1950 e i primi anni 1960

 

Il 1963 è un anno particolarmente importante nella sua storia, segna, infatti, l’incontro con Henri Chopin, che dirigeva una piccola galleria a Parigi ma soprattutto la prima audio-rivista internazionale di poesia sonora, OU Cinquième Saison e con Pierre Garnier, che nello stesso anno aveva pubblicato il manifesto teorico sul respiro energia vitale e primordiale, il Souffle Manifeste. Concetti che ritroviamo anche nella poesia sonora di Lora Totino. In questo periodo, segnato dalla rivoluzione letteraria del Gruppo 63, ALT dà fisicità alla parola, alla poesia.

 

Inizia a creare le sculture con la carta dattiloscritta e i Fonemi plastici di plexiglass.

 

Parlando del suo lavoro Giorgio Maffei ha parlato di “vertigine multimediale” e non si può che partire da questa eterogeneità dei linguaggi utilizzati, per entrare nell’opera e nella ricerca di questo intellettuale. La sua è una capacità pressoché unica di giocare con le lettere, con le parole. Tra le opere presenti nella mostra alla Galleria Six, oltre alle opere degli anni '60 , agli Intertesti, anche le Poesie ginniche dell’inizio dei Settanta in cui i ruoli di interprete e autore vengono confusi , i Dattilopoemi e le Verbotetture, in cui il debito è con le avanguardie storiche, con Duchamp in particolare, alle quali ALT tornerà con le Macchine celibi della fine del primo decennio degli anni Duemila , anch'esse presenti in mostra a chiusura di un percorso che mette in luce cinquanta anni di ricerca.

 

È la sua con la poesia concreta un’operazione di demolizione della struttura sintattica, letteraria come già si faceva in quegli anni in altri ambiti. Nei Poemi dattiloscritti è un gioco infinito di lettere, parole, di costruzioni, in cui la geometria gioca un ruolo determinante. Le Verbotetture con un neologismo loratotiniano, indicano il suo ambito formale, architetture del verbo, della parola sulla pagina o nello spazio tridimensionale, in cui protagonista è la poesia concreta che lo stesso ALT così spiega: «La poesia concreta propone una poetica che esige un’ottica, una acustica, una sintassi, una morfologia, adeguate alla struttura della percezione, la quale non è un sistema lineare di trasmissioni successive come, ad esempio, il verso tradizionale. È indubbio che gli schemi di comunicazione estetica basati sulla percettività del materiale, hanno in comune un atteggiamento concreto, sia che si tratti di poesia concreta o di arte programmata o di musica elettronica»

 

Tra le riviste di cultura contemporanea da lui fondate e cofondate si ricorda nel 1959 «Antipiugiù», rivista di letteratura sperimentale, che diresse fino al 1966. «Modulo» , fondata nel 1966 con l'uscita del primo numero da lui curato , quale antologia internazionale di poesia concreta. Nello stesso anno cura l’esposizione di poesia visuale presso la Facoltà di Architettura di Torino . Nel 1967 con Adriano Spatola e Franco Verdi, cura l' “Esposizione internazionale di poesia sperimentale” all’Università Popolare di Castelfranco Veneto. Nel 1969 è curatore dell'  esposizione di poesia concreta presso Ca’ Giustinian, nell’ambito della Biennale di Venezia

 

Nel 1980 cura per la seconda rete della RAI TV la serie Il colpo di Glottide in 13 puntate sulla poesia sonora

 

Del 1987 la sua partecipazione a Documenta di kassel 8

 

Nel 1996, per conto della Regione Piemonte, il critico Mirella Bandini cura una retrospettiva dell’attività di Lora Totino presso il “Circolo degli Artisti” di Torino.

 

Nel 2016 gli è stata dedicata un’ampia antologica alla galleria “Barriera” di Torino con opere dal 1962 al 1982, a cura di Giorgio Maffei e Patrizio Peterlini.

 

Nel dicembre dello stesso anno la Gam di Torino gli dedica una serata evento

 

Galleria Six Piazzale Piola 5 Milano - dal 17 Aprile al 7 Giugno 2018 

 

opening 17 Aprile ore 18 :00

 

Un catalogo della mostra con testo di Angela Madesani sarà disponibile in galleria 

 

phone: +39 3496680813                                               www.galleriasix.it                                                                 info@galleriasix.it