Dennis Oppenheim

“Church, opera prima”

 

Sabato 14 novembre in mostra alla Galleria Six uno dei lavori piu importanti di DENNIS OPPENHEIM: l’opera prima di “Church” , dal progetto del 1967, realizzata in legno nell‘ 89 e presentata poi in grandi dimensioni alla Biennale di Venezia del 1997.

Una chiesa rovesciata, che poggia sulla punta del campanile, intenta a ribaltare gli spazi e le funzioni, a sconvolgere la visione tradizionale dell’osservatore che si trovera di fronte all’imprevisto e all’imprevedibile.

Le sue sculture non tendono infatti ad una visione consolatoria, quanto a sviluppare una rinnovata energia vitalistica con il contesto ambientale.

La traiettoria artistica di Dennis Oppenheim e sempre stata caratterizzata dalla sua incorreggibile discontinuita e il suo universo appare instabile, motivato allora come oggi, da una intensa curiosita.

DENNIS OPPENHEIM (classe 1938, US), scultore e costruttore, che ha contribuito fin dagli anni sessanta in maniera determinante a modificare i linguaggi dell’arte contemporanea poiche, abbandonate le esperienze ambientali e della body art, si e imposto per una poetica autonoma e del tutto personale, in una metamorfosi continua in grado di mettere in discussione le regole costituite dell’arte e dell’architettura.

La sua prima mostra personale risale al 1968 ed e stata organizzata dalla John Gibson Gallery di New York.

Da allora si sono svolte mostre nei principali musei e fondazioni del mondo tra cui la Tate Gallery di Londra lo Stedelijk Museum di Amsterdam; il Whitney Museum of American Art e il Museum of Modern Art di New York; il Musee d’Art Moderne de la Ville de Paris.

Il 28 giugno 2009 si e conclusa una sua ampia personale al Marta Herford Museum di Herford in Germania.

Le sue opere sono presenti nelle piu importanti collezioni pubbliche: -SMAK Stedelijk Museum voor Actuele Kunst, Gent (Belgio)

-Tate Britain e Tate Modern di Londra

-Museo d’arte contemporanea Castello di Rivoli, Torino

-MOMA di New York

-Schaulager, Munchenstein / Basel e Kunstmuseum Basel (Basilea)

-Centre Pompidou - Musee National d Art Moderne, Parigi

-National Museum of Contemporary Art –EMST (Atene)

-ARTIUM Centro-Museo Vasco de arte contemporaneo, Vitoria- Gasteiz (Spagna)

La mostra chiudera i battenti venerdi 11 dicembre 2009.